REGIONE ABRUZZO
DIPARTIMENTO SVILUPPO ECONOMICO, POLITICHE DEL LAVORO, ISTRUZIONE, RICERCA E UNIVERSITA’
DPG010 - Servizio Istruzione

PO FSE 2014-2020 “Voucher per l’Alta Formazione Universitaria” - Intervento 18 - Asse 3 Istruzione e Formazione - Obiettivo tematico: 10

Investire nell'istruzione, nella formazione e nella formazione professionale per le competenze e l'apprendimento permanente

Priorità d’investimento: 10ii

Miglioramento della qualità e dell'efficacia dell'istruzione superiore e di livello equivalente e l'accesso alla stessa, al fine di aumentare la partecipazione e i tassi di riuscita specie per i gruppi svantaggiati

Obiettivo specifico: 10.5

Innalzamento dei livelli di competenze, di partecipazione e di successo formativo nell’istruzione universitaria e/o equivalente

Tipologia di Azione: 10.5.2 – Borse di studio e azioni di sostegno a favore di studenti capaci e meritevoli privi di mezzi e di promozione del merito tra gli studenti, inclusi gli studenti con disabilità

L’Avviso finanzia Voucher per l’Alta Formazione Universitaria riconducibili a tre tipologie di azioni: Azione1:percorsi formativi universitari svolti in Italia; Azione 2:percorsi formativi post laurea svolti in Italia; Azione 3;Percorsi Formativi post Laurea svolti all’estero.

Con il presente Avviso “Voucher per l’Alta Formazione Universitaria”, in coerenza con la Strategia “Europa 2020”, la Regione persegue la finalità di  favorire e sostenere il diritto all’Alta Formazione, facilitando le scelte individuali di allievi meritevoli attraverso l’erogazione di voucher finalizzati alla frequenza, in Italia e all’estero, di corsi di studio universitario, specializzazioni, master ed altri interventi di elevata valenza professionalizzante. La Regione Abruzzo, come previsto dal POR Regione Abruzzo FSE 2014-2020, intende concorrere alla riduzione del divario di circa 4 punti percentuali tra la quota di popolazione in età 30-34 anni che ha conseguito un titolo di studi universitario e quella con-figurata come obiettivo per l’Italia dalla Strategia Europa 2020, pari al 26-27%. Preso atto, inoltre, dell’elemento di debolezza del sistema universitario regionale che riguarda la quota piuttosto limitata di laureati in scienze e tecnologia (numero dei laureati in tali discipline per regione per 1.000 residenti in età 20-29 anni pari al 10,7% al 2011), l’Amministrazione intende incentivare maggiormente i settori a elevato contenuto scientifico e tecnologico.

Destinatari diretti dell’avviso sono:

Unici soggetti legittimati alla presentazione delle  istanze sono gli studenti  laureandi e laureati a/a 2017-2018, beneficiari diretti del finanziamento.

L’Avviso ha una dotazione finanziaria pari ad € 1.500.000,00 (da redistribuire sulle n. 3 Azioni previste) a valere sull’Asse 3- Istruzione e formazione.

Scadenza: Le istanze devono essere presentate a partire dal 15.01.2018   ed entro e non oltre il 16.03.2018.

Allegati all’Avviso:

  • P.O  2017-2019 - Intervento n. 18 –“ Avviso pubblico per la presentazione delle istanze per l’assegnazione e l’erogazione di “Voucher per  l’Alta Formazione Universitaria” (All.1);
  • Determinazione Dirigenziale 109/2017/DPG010 del 22.12.2017
  • Allegato 1-a - Modello per la richiesta di assegnazione voucher per l’Alta Formazione Universitaria (AZIONE 1)
  • Allegato  2-a - Modello per la richiesta di assegnazione voucher per l’Alta Formazione Universitaria (AZIONE 2)
  • Allegato 3-a - Modello per la richiesta di assegnazione voucher per l’Alta Formazione Universitaria (AZIONE 3)
  • Allegato 1-b - Modello per la richiesta di erogazione voucher per l’Alta Formazione Universitaria (AZIONE 1)
  • Allegato 2-b Modello per la richiesta di erogazione voucher per l’Alta Formazione Universitaria (AZIONE 2)
  • Allegato 3-b - Modello per la richiesta di erogazione voucher per l’Alta Formazione Universitaria (AZIONE 3).
  • Allegato 4 - Classi di Laurea a contenuto scientifico-tecnologico a cui è correlata la premialità di n. 3  punti (Art. 8 dell’Avviso).

I documenti elettronici prodotti in formato PDF/A devono essere sottoscritti.

 

Scadenza: 
Venerdì, 16 Marzo, 2018 - 23:59
Quesiti più comuni: 
Domanda: 

Può essere rimborsata la tassa regionale DSU?

Risposta: 

Si.

Domanda: 

Può essere rimborsata la mora?

Risposta: 

No.

Domanda: 

Quali sono i documenti da allegare alla richiesta di assegnazione del voucher?

Risposta: 

Alla richiesta di assegnazione del voucher bisogna solo allegare il documento di identità in corso di validità.

Domanda: 

Quali sono le informazioni da riportare nel modello per la richiesta di assegnazione del voucher in riferimento agli estremi del MIUR ?

Risposta: 

Indicare gli estremi relativi al Decreto Ministeriale di riconoscimento da parte del MIUR.

Domanda: 

E' possibile presentare la domanda di assegnazione del voucher nel caso in cui sia stata inoltrata richiesta per borsa di studio o per altre forme di finanziamento provenienti da soggetti pubblici o privati finalizzati alla copertura anche parziale delle quote di iscrizione e di frequenza nell'anno accademico 2017-2018 dello stesso corso?

Risposta: 

Si, salvo poi, nel caso di ammissibilità in entrambe le graduatorie, l'impossibilità di cumulare i due benefici e, quindi, dover rinunciare ad uno di essi

Domanda: 

La domanda per l'assegnazione del voucher deve essere inviata anche per raccomandata ?

Risposta: 

No.( Si rinvia all'art. 7 dell'Avviso - Cause di Esclusione )

Domanda: 

E' necessario compilare l'allegato "dichiarazione sostitutiva per marca da bollo da presentare digitalmente"?

Risposta: 

L'allegato deve essere compilato esclusivamente per le domande firmate digitalmente.

Domanda: 

Il pagamento della tassa universitaria effettuata oltre il termine di scadenza può essere rimborsata ?

Risposta: 

Si, detratta la mora.

Domanda: 

E' possibile richiedere il rimborso delle spese relative a viaggio, vitto, alloggio, materiale didattico, etc.?

Risposta: 

No. (Si rinvia all'art.2 comma 8 dell'Avviso)

Domanda: 

E' possibile presentare domanda di assegnazione del voucher per un percorso formativo post-laurea svolto in Italia (Azione 2) non riconosciuto dal MIUR ?

Risposta: 

No ( Si rinvia all'art.2, comma 2 dell'Avviso). In ogni caso, per avere la certezza che il percorso formativo sia o meno riconosciuto dal MIUR, è necessario prendere contatti  direttamente con il Ministero(oppure Università,Istituti/Centri di ricerca e Scuole di Alta formazione che attivano i corsi) in quanto nel modello di domanda per il finaziamento del voucher devono comunque essere indicati gli estremi relativi al decreto Ministeriale per il riconoscimento del percorso formativo da parte del MIUR.

Domanda: 

La domanda di assegnazione del voucher e la copia del documento di identità possono essere inseriti su un'unico file e caricati nel Documento 1?

Risposta: 

SI, oppure la domanda caricata nel Documento 1 e la copia del documento di identità ( in corso di validità) nel Documento 2.

Domanda: 

Nell'ambito delle Azioni 1,2,3 quale è l'importo massimo rimborsabile?

Risposta: 

Sono rimborsabili le spese rispettivamente fino ad un massimo di € 3.000,00 (Az.1), di € 5.000,00 (Az. 2) e di € 8.000,00 (Az. 3)  (Art. 3, comma 4 dell'Avviso). 

Domanda: 

In caso di assenza di un conto bancario/postale intestato al richiedente il voucher, è possibile che il contributo sia erogato tramite assegno circolare o accreditato ad un conto di un familiare?

Risposta: 

NO, l'erogazione del voucher viene effettuata esclusivamente tramite bonifico bancario sul conto corrente bancario/postale o altro prodotto bancario/postale intestato al richiedente, indicando sul modello le relative coordinate IBAN.

Domanda: 

Posso inserire nella domanda di partecipazione all'Avviso Voucher -Ed. 2017 l'ISEE per l'accesso alle prestazioni universitarie scaduto il 15 gennaio 2018?

Risposta: 

No, mi spiace. Si rinvia all'art. 4 comma 1 del bando che recita:

"Possono presentare istanza per la concessione del Voucher per il rimborso delle spese di cui all’art. 2, del presente Avviso i soggetti che frequentano uno dei percorsi di cui al comma 1 del precedente art. 2, residenti nella Regione Abruzzo da almeno tre anni alla data di pubblicazione del presente Avviso nel B.U.R.A.T. e in possesso, alla data di presentazione della domanda, di un ISEE per l’accesso alle prestazioni universitarie in corso di validità non superiore a € 25.000,00 (euro venticinquemila/00), calcolato sulla base della DSU (dichiarazione sostitutiva unica) compilata secondo le disposizioni dettate dal D.P.C.M. 5.12.2013, n. 159.

 

Domanda: 

Voglio iscrivermi ad una scuola di specializzazione e il corso deve ancora iniziare. Come posso richiedere il rimborso delle spese di iscrizione e/o frequenza a.a. 2017-2018 non ancora sostenute, considerando che la domanda per l'assegnazione del voucher Ed. 2017 deve essere inviata entro il 16.03.2018?

Risposta: 

Il voucher 2017-2018 rimborsa le spese di iscrizione e/o frequenza dell'anno accademico o formativo 2017-2018. Nel modello a)  prescelto andranno inserite le tasse pagate e quelle da pagare e comunque dovute, relativamente all'anno accademico in corso. Qualora l'esatto ammontare delle spese non sia conosciuto, indicare l'importo massimo stimato. Detto importo costituirà il limite massimo  di liquidazione del voucher, fermo restando il massimale previsto dall'art. 3, comma 4 dell'Avviso.

Domanda: 

Salve. Volevo sapere se è previsto il rimborso per corsi di perfezionamento e master eseguiti in modalità online?

Risposta: 

Si.

Domanda: 

Vorrei chiedere delle informazioni circa i voucher Alta Formazione 2017-2018.Io sono una Psicologa in formazione e sto frequentando una scuola di specializzazione quadriennale in psicoterapia. Le scuole di specializzazione generalmente prendono in considerazione l'anno solare e non quello accademico delle università. Non so quindi come devo compilare la domanda perché sono tra due anni di scuola di specializzazione (mi riferisco anche alla compilazione delle spese sostenute e da sostenere). Inoltre l'anno accademico 2017-2018 da che mese inizia a che mese termina?

Risposta: 

I corsi di Specializzazione che rientrano nell’avviso sono quelli organizzati da Università/Istituti /Centri di ricerca e scuole di alta formazione riconosciuti dal MIUR. La specializzazione per la quale si richiede il voucher deve rilasciare almeno 60 CFU (Art.2, comma 2 dell’Avviso).

Non è possibile  che l’anno di studio sia considerato per anno solare,  le spese di frequenza sostenute o da sostenere sono riferite esclusivamente per anno accademico (l’avviso è riferito esclusivamente all’a.a. 2017/2018).

Si precisa che l'anno accademico ha inizio il 1° Ottobre e termina a Settembre dell'anno successivo ( le lezioni però per alcuni corsi, iniziano già nel mese di settembre). In questo periodo sono inseriti i semestri (il tempo in cui vengono tenuti gli insegnamenti ed il relativo periodo per sostenere gli esami).

 

Domanda: 

Buongiorno, è possibile presentare domanda di assegnazione del voucher per le spese sostenute per il conseguimento dei 24 CFU inerenti la formazione iniziale, tirocinio e inserimento nella funzione docente (FIT)?

Risposta: 

Si tratta di percorso triennale di formazione, inserimento e tirocinio (FIT) a cui segue l'ingresso nei ruoli della docenza. Per la frequenza di tale di tale percorso è necessario superare un concorso pubblico nazionale per la cui ammissione è necessario possedere il titolo di studio richiesto e i nuovi CFU (24CFU PeF24) previsti dall'art. 2 punto 2 comma b) dell'avviso per il conseguimento dei successivi PeF24. Se l'università prevede spese di iscrizione e frequenza A.A. 2017 2018 potranno essere riconosciute e comunque non superate i limiti imposti dall'art. 4 comma 1del D.M. n. 616/2017 8(€.500,00) 

Domanda: 

Nell'Avviso Voucher-Ed. 2017 quali tipologie di spese sono riconosciute e relative a quale anno?

Risposta: 

Sono riconosciute le spese di iscrizione e/o frequenza relative esclusivamente all'anno accademico 2017/2018 (sostenute e  da sostenere- rate tasse ). Sono escluse tutte le altre tipologie di spesa non identificabili come di iscrizione e di frequenza( si rimanda all'art. 2 comma8 dell'Avviso).

Domanda: 

Salve, vorrei sapere se è possibile usufruire del voucher anche se si è attualmente beneficiari di una borsa di studio.

Risposta: 

L'annualità considerata nel bando è relativa all'anno accademico 2017-2018. Relativamente al cumulo dei benefici si rimanda all'art. 4 comma 3 dell'avviso.

Domanda: 

Devo inviare nella richiesta del voucher anche l'allegato b) relativo?

Risposta: 

NO.Se si risulterà, al termine dell'istruttoria,utilmente collocati nella graduatoria degli ammessi al voucher a.a. 2017-2018, l'allegato b) prescelto dovrà essere inviato con la documentazione giustificativa di spesa entro e non oltre il 30.04.2019 ( Art. 9 comma 9 dell'Avviso). Si ricorda inoltre che si potrà avere diritto al voucher solo se a rendicontazione si si dimostrerà il successo formativo (Art. 9, comma 8 dell'Avviso).

Domanda: 

L'anno formativo per la mia Scuola segue l'anno solare. Devo presentare richiesta per il primo anno (2017) o per il secondo (2018), considerando tra l'altro che, come specificato sulla copertina del bando, si tratta dell'"edizione 2017"? Ho già letto vostra precedente risposta ad una collega, ma mi trovo a segnalare la grave irregolarità dichiarata con la frase "Non è possibile che l’anno di studio sia considerato per anno solare...". Nel bando si fa riferimento ad anno formativo e come previsto dal regolamento MIUR è discrezione delle Scuole stabilire se seguire l’anno solare o accademico settembre-giugno. Interpellato il MIUR in merito mi è stato confermato con protocollo ufficiale del 23.02.2018 che: "..il Decreto 509/98, all'art. 7 comma 4, consente alla Scuole di Specializzazione di definire e di organizzare le modalità dei corsi, secondo il modello dell'anno accademico o solare, con un apposito regolamento di funzionamento adottato dai competenti organi dell'Istituto".

Risposta: 

Il Decreto Ministeriale a cui fa riferimento (D.M. n. 509 del 1998 , al titolo II, art. 7, comma 4,) cita testualmente ” Le modalità ed i  criteri di ammissione ai corsi sono definiti da apposito regolamento adottato dai competenti organi dell’Istituto”.

Ciò significa che l’Istituto che richiede il riconoscimento per l’istituzione ed attivazione di corsi di Specializzazione in psicoterapia di durata almeno quadriennale, ha facoltà di stabilire solo le modalità ed i criteri di ammissione ai corsi.

Ciò vuol dire che l’istituto sopracitato, può decidere come intende definire ed organizzare lo svolgimento dei corsi, nell’arco dell’anno accademico di riferimento (nel nostro caso a.a. 2017-2018).

Infatti, nel citato decreto, non c’è alcun riferimento ad una ipotetica possibilità di  scelta ,  da parte dell’Istituto, tra l’anno accademico (già definito in una precedente Faq) o l’anno solare.

Inoltre è necessario ribadire che l’Avviso Voucher-Ed 2017 riconosce esclusivamente le spese di iscrizione e/o di frequenza relativi all’anno accademico 2017/2018, cioè quello in corso di svolgimento.(art. 2 comma 4, dell’Avviso).

Pertanto, non è assolutamente preclusa, come peraltro si evince dal bando, la partecipazione all’avviso di cui sopra a coloro che frequentano, nell’annualità accademica corrente,  il corso di specializzazione in psicoterapia.

Domanda: 

Buongiorno, sono una studentessa iscritta al secondo anno del corso di Specializzazione in Psicoterapia. Il percorso formativo ha durata annuale e coincide con l’anno solare, in questo caso inizia a Gennaio 2018 e termina a Dicembre 2018. Il quesito è il seguente: Posso partecipare e presentare istanza per ottenere il voucher? Cosa dovrò dimostrare ad aprile 2019 a giustificazione del raggiungimento del successo formativo?

Risposta: 

Premesso che  l’Ente preposto all’erogazione della formazione debba essere riconosciuto dal MIUR e che  la specializzazione per la quale si chiede il voucher deve rilasciare almeno 60 CFU, ovvero avere una durata di almeno 8 mesi, sono ammessi a valutazione i richiedenti iscritti ad un percorso accademico o formativo 2017/2018 anche se per motivi organizzativi e procedurali il percorso formativo è svolto da gennaio a dicembre 2018.

Si specifica che le spese riconosciute saranno quelle sostenute e quietanzate per l’iscrizione e la frequenza relative al percorso di studi svolto nell’anno 2018 (gennaio – dicembre).

Entro il 30 Aprile 2019, oltre la documentazione giustificativa di spesa prevista (Art.9, comma 9 dell’Avviso) a dimostrazione del successo formativo si dovrà far rilasciare  dall’Ente un attestato di frequenza ed ammissione al successivo anno formativo ( come chiarito con Determinazione Dirigenziale n. 14/DPG010 del 09.02.2018 pubblicata sul sito Regione Abruzzo.it).