REGIONE ABRUZZO
Dipartimento Sviluppo Economico , Politiche del LAvoro, Istruzione, Ricerca e Università
Servizio Formazione e Orientamento Professionale- DPG009

POR FSE ABRUZZO 2014-2020 Piano Operativo FSE 2017-2019
Obiettivo "Investimenti in favore della crescita e dell'occupazione"
Prepararsi al cambiamento per prevenire le crisi aziendali

 

AVVISO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI INTERVENTI FORMATIVI DI RIQUALIFICAZIONE DEI LAVORATORI

L’Intervento in oggetto si realizza attraverso la pubblicazione di due dispositivi di selezione (Avviso A e Avviso B) aventi le medesime finalità e i medesimi destinatari.

  • L’Avviso A) si attua secondo le prescrizioni del Regolamento UE n. 651/2014 e ss.mm.ii.
  • L’Avviso B) fa riferimento alle disposizioni di cui al Regolamento n. 1407/2013.

È onere dell’impresa candidata opzionare per l’una o per l’altra procedura di selezione.

Allegati per Avviso A:

  • Allegato 1A: Domanda di finanziamento
  • Allegato 2A: Formulario di progetto
  • Allegato 3A: Piano economico e prospetto di calcolo della sovvenzione
  • Allegato 4A: Dichiarazione di aiuti in esenzione

Allegati per Avviso B:

  • Allegato 1B: Domanda di finanziamento
  • Allegato 2B: Formulario di progetto
  • Allegato 3B: Piano economico e prospetto di calcolo della sovvenzione
  • Allegato 4B_1: Dichiarazione de minimis impresa richiedente
  • Allegato 4B_2: Dichiarazione de minimis impresa controllante o controllata
  • Allegato 5B: Istruzioni de minimis

ATTENZIONE

La domanda si ritiene acquisita dal sistema solo e soltanto al ricevimento, da parte dell'utente,  della email contenente il relativo codice identificativo domanda.

Si tenga presente che nel campo email va indicata un indirizzo di posta elettronica ordinaria e NON un indirizzo PEC.

Per la compilazione e l’invio della Domanda segui la seguente procedura tecnica.

Effettua il download della domanda (allegato 1A oppure 1B a seconda dell'avviso a cui intendi rispondere).

Compila lo schema con tutti i dati richiesti e sottoscrivi la domanda con firma digitale.

Fai l’Upload come previsto nella sezione “Invio documentazione”.

Compila inoltre i relativi allegati, seguendo le indicazioni previste dal Bando, sottoscrivendoli ed inviandoli, con le stesse modalità previste per la Domanda.

Tieni presente che nel campo "email" della form che segue va indicato un indirizzo email PEO ovvero posta elettronica ordinaria e NON un indirizzo PEC (posta elettronica certificata).

Ricorda:

  1. La non corretta compilazione dei campi richiesti può generare il non avanzamento della procedura, oppure causare il rigetto della domanda in fase di valutazione successiva.
  2. I dati devono assolutamente essere coerenti con quelli forniti nei documenti costituenti la domanda di ammissione formulata su documento cartaceo da caricare sulla piattaforma, poiché i dati riportati direttamente nei form della piattaforma sono quelli che verranno utilizzati dal Sistema Informatico in automatico per predisporre L'ISTRUTTORIA.
  3. Una volta chiusa la procedura di domanda come sopra, non sarà possibile fare modifiche e/o integrazioni. È possibile inviare una nuova domanda che annulli una precedente. La nuova domanda assume un nuovo ordine di arrivo e un nuovo protocollo elettronico.
  4. Sono vietate e perseguiti a termini di legge gli abusi e gli usi impropri della piattaforma.

Inserire i dati nel form che segue.

Tutti i campi contrassegnati con * SONO OBBLIGATORI

Dati anagrafici
Dati anagrafici del Rappresentante legale dell'Azienda.
del Rappresentante Legale.
del Rappresentante Legale.
gg/mm/aaaa
Comune (Provincia) o stato estero. Es: Montesilvano (PE).
Indicare il Comune di residenza.
Indirizzo di residenza comprensivo di num. civico E CAP.
Codice fiscale del Rappresentante Legale.
Indirizzo di posta elettronica ordianria (NON CERTIFCATA).
Anagrafica Azienda richidente
Indirizzo della sede legale (Via, n°, CAP, Comune, Provincia)
Partita IVA.
Selezionare l'Avviso pubblico per il quale si intende inviare domanda di finanziamento.
* Cliccando sul campo "Privacy: accetto": autorizzo il trattamento dei miei dati personali, ai sensi del D.lgs. 196 del 30 giugno 2003.

Il sottoscritto, consapevole della responsabilità penale a cui può andare incontro in caso di dichiarazioni mendaci, falsità in atti e uso di atti falsi, ai sensi e per gli effetti degli artt. 46, 47 e 76 del D.P.R. 28.12.2000, nr. 445, nella qualità di Legale Rappresentante dell'Organismo richiedente dichiara che le informazioni riportate corrispondono a verità:

Invio documentazione AVVISO A
Allegato 1A - Domanda di finanziamento
I file devono pesare meno di 10 MB.
Tipi di file permessi: zip p7m.
Allegato 2A - Formulario di progetto
I file devono pesare meno di 30 MB.
Tipi di file permessi: zip p7m.
Allegato 3 - Piano economico e prospetto di calcolo della sovvenzione.
I file devono pesare meno di 10 MB.
Tipi di file permessi: zip p7m.
Allegato 4A - Dichiarazione di aiuti in esenzione.
I file devono pesare meno di 10 MB.
Tipi di file permessi: zip p7m.
Invio documentazione AVVISO B
Allegato 1B - Domanda di finanziamento
I file devono pesare meno di 10 MB.
Tipi di file permessi: zip p7m.
Allegato 2B - Formulario di progetto
I file devono pesare meno di 30 MB.
Tipi di file permessi: zip p7m.
Allegato 3B - Piano economico e prospetto di calcolo della sovvenzione.
I file devono pesare meno di 10 MB.
Tipi di file permessi: zip p7m.
Allegato 4B_1 - Dichiarazione de minimis Impresa richiedente.
I file devono pesare meno di 10 MB.
Tipi di file permessi: zip p7m.
Allegato 4B_2 - Dichiarazione de minimis impresa controllante o controllata.
I file devono pesare meno di 10 MB.
Tipi di file permessi: zip p7m.
Invio documento di identità del Rappresentante legale dell' Azienda.
I file devono pesare meno di 5 MB.
Tipi di file permessi: jpg jpeg png zip.
Quesiti: 
Domanda: 

In riferimento all'articolo 7 c. 1 Linea 2, si chiede se è possibile destinare le attività formative ad aziende che hanno concordato con le parti sociali, l’accesso al fondo di solidarietà disciplinato dagli articoli 26 e seguenti del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 148?

Risposta: 

Sì. La Linea 2 ricomprende le aziende che abbiano sottoscritto un Accordo a norma dell'art. 21, co. 1, lett. a), b) e c) del D.Lgs.vo 148/2015. In particolare la lettera c) della predetta disposizione riguarda proprio il contratto di solidarietà.

Domanda: 

Nell'articolo 8) comma 2. dell'Avviso, si precisa “Pertanto, le imprese possono erogare direttamente la formazione avvalendosi di formatori e/o soggetti fornitori terzi da esse liberamente scelti”. Sulla base di quanto sopra, la formazione potrebbe essere erogata anche da aziende/imprese e non solo da persone fisiche? In caso affermativo, il valore del compenso per le aziende/imprese deve essere effettuato in base alla Circolare n. 2/2009? Nello specifico si configura come “Affidamento di attività a soggetti terzi” e quindi si dovrebbero applicare “Le Procedure e le fasce finanziarie per l’affidamento di attività ad enti terzi”?

Risposta: 

Le aziende possono avvalersi, per l'erogazione delle attività formative, di soggetti fornitori terzi. Sono ammissibili a finanziamento le spese dirette di personale di cui all'art. 9, comma 4, degli Avvisi A e B, effettivamente sostenute dall'Azienda e rendicontate con giustificativi di spesa. Tutti gli altri costi, ivi compresa la spesa eventualmente sostenuta per il soggetto fornitore terzo, sono rimborsabili con tasso forfettario fino ad un massimo del 40% delle spese dirette di personale.

Domanda: 

Ad ulteriore approfondimento del quesito nr 1 si evidenzia che l'art 26 del decreto legislativo 14 settembre 2015 n. 148 si parla di Fondi di solidarietà BILATERALI: in tale fattispecie si individua il cosi detto FIS (Fondo di Integrazione Salariale) che ha diversa figura giuridica del contratto di solidarietà. Si richiede quindi conferma dell'ammissibilità di aziende che hanno aderito a tale riferimento normativo.

Risposta: 

Il fondo disciplinato all'art. 26 del D.Lgs. n. 148/2015, ha la finalità di assicurare ai lavoratori una tutela in costanza di rapporto di lavoro nei casi di riduzione o sospensione dell'attività lavorativa per le cause previste dalle disposizioni di cui al Titolo I del decreto medesimo, ove è ricompreso lo stesso art. 21. Ciò premesso, le aziende che hanno aderito all'ipotesi disciplinata dal predetto art. 26, possono candidarsi per la sola Linea 2, degli Avvisi A) e B).

Poni un quesito.